Il cortometraggio: la sicurezza non è un film

 

 Introduzione al cortometraggio

Non é più innovativo considerare che la laboratorialità sia strumento fondamentale nel percorso di apprendimento di un individuo e di sviluppo della sua adeguata capacità di risposta di fronte a situazioni "analoghe" .

E nemmeno possiamo considerare innovativo un cortometraggio tout—court.

Positivamente nuova é invece la sinergica esperienza di docenti e allievi nel realizzare una comunicazione, seria e rigorosa nei contenuti ma frutto del piacere di un'esperienza condivisa ancorché ancora  "amatoriale" nella sua prima forma prototipale.

Anche il rispettoso ricorso a qualificate competenze terze rispetto alla scuola, per garantire la qualità di un'informazione corretta, é anch'essa positiva esperienza didattica di metodo.

Chiaro é poi il messaggio culturale del "corto": al diritto a disporre di sistemi oggettivamente adeguati alla tutela deve corrispondere il dovere di ciascuno di proteggersi (e proteggere) in modo proattivo con la specifica conoscenza.

Positiva occasione per i giovani di costruire essi stessi comunicazione sempre aggiornata e adatta allo scambio efficace nella "totalmente loro" rete di digitale che permette loro di varcare naturalmente quel crinale che da soggetti da proteggere ne fa adulti responsabili.

Dott. Uranio Mazzanti
A.U.
di CRF SC organismo (cooperativo) di ricerca

divider

Il percorso tra INAIL, Ministero della Salute, IISS “A. Diaz” di Roma e 'Istituto Professionale Cinematografia e Televisione Roberto Rossellini di Roma

Il progetto “Promozione della sicurezza nei laboratori che fanno uso di microrganismi geneticamente modificati” realizzato dall’INAIL Settore Ricerca, il Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Produttivi in collaborazione con l’IISS “A. Diaz” di Roma, ha avuto lo scopo di avvicinare gli studenti al campo delle biotecnologie, materia pluridisciplinare e interdisciplinare, e di promuovere in essi la cultura della sicurezza al fine di modificare atteggiamenti e luoghi comuni nella pratica di laboratorio e in vista di un lavoro futuro.

Inoltre il lavoro di progetto doveva aiutare a promuovere e costruire la collegialità di progettazione, ricerca, valutazione e documentazione, sia in verticale (tra studenti e docenti) che in orizzontale ( tra docenti; tra studenti di classi diverse), per realizzare prodotti utilizzabili per un’azione di informazione e divulgazione dei temi trattati fra i giovani.

È stato realizzato attraverso le seguenti fasi:

  • Seminario Inail, “Biotecnologie: ricerca e produzioni industriali. Relatori: Dott.ssa Elena Sturchio, Dott.ssa Barbara Ficociello, Dott.ssa Miriam Zanellato, Dott.ssa Laura Casorri. 14 marzo2013. Aula magna dell’ISS A. Diaz – sede di via Taranto- h 9.30
  • Progettazione e individuazione dei temi:
    1. La sicurezza nei laboratori che fanno uso di microrganismi geneticamente modificati, MOGM.
    2. La produzione dei vaccini come esempio di applicazione della ricerca e della tecnologia moderna che fa uso di MOGM.
  • Costituzione dei gruppi di lavoro.
  • Lavoro di ricerca, di sintesi e organizzazione dei materiali.
  • Progettazione e realizzazione del cortometraggio.
  • Revisione dei testi sui vaccini
  • Progettazione prodotto multimediale sulla produzione dei vaccini per via biotecnologica
  • Realizzazione del prodotto multimediale.

Il progetto e i prodotti realizzati sono stati presentati:

  1. al Salone dell’educazione, dell’orientamento e del lavoro – ABCD + orientamenti il 15 novembre 2013 presso la fiera di Genova, nell’ambito del Workshop “Biotecnologie e sicurezza”
  2. a scuola, nella sede di via Taranto, in occasione dell’Open Day, il 18 gennaio 2014.

Prof.ssa Ascensina Evangelista
Tutor di riferimento delle classi coinvolte nel progetto per l’IISS “A. Diaz” di Roma

divider

 giornaliArticoli sull'attività

divider

Il backstage sul cortometraggio

 

0 Risposta

  1. […] È stato realizzato attraverso le seguenti fasi: 1. Seminario Inail, “Biotecnologie: ricerca e produzioni industriali. Relatori: Dott.ssa Elena Sturchio, Dott.ssa Barbara Ficociello, Dott.ssa Miriam Zanellato, Dott.ssa Laura Casorri. 14 marzo2013. Aula magna dell’ISS A. Diaz – sede di via Taranto- h 9.30 -13 2. Progettazione e individuazione dei temi: a. La sicurezza nei laboratori che fanno uso di microrganismi geneticamente modificati, MOGM. b. La produzione dei vaccini come esempio di applicazione della ricerca e della tecnologia moderna che fa uso di MOGM. 3. Costituzione dei gruppi di lavoro. 4. Lavoro di ricerca, di sintesi e organizzazione dei materiali. 5. Progettazione e realizzazione del cortometraggio. 6. Revisione dei testi sui vaccini 7. Progettazione prodotto multimediale sulla produzione dei vaccini per via biotecnologica 8. Realizzazione del prodotto multimediale. […]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi